La Vera Cronaca

Venerdì 29 ottobre 2010

 

DISOCCUPAZIONE GIOVANILE IN AUMENTO

 

 

E' un’Italia in crisi, ormai lo sappiamo, e a pagarne le conseguenze sono soprattutto i giovani. A confermarlo nuovamente sono gli ultimi dati Istat diffusi in queste ore, secondo cui il tasso di disoccupazione giovanile a Settembre è salito al 26,4%, con un aumento di 1,4 punti percentuali rispetto ad Agosto e una crescita di 0,3 punti percentuali nel confronto con il Settembre dello scorso anno: un balzo che arriva dopo quattro “significative flessioni congiunturali”.
Il livello della disoccupazione tra giovani resta così elevato anche se inferiore ai picchi raggiunti nell’ultimo periodo (ad Aprile era al 28,9%); in ogni caso tra i giovani nella fascia 15-24 anni il 26,4% è senza lavoro (un aumento dell’1% rispetto a Settembre 2009). Sulla base delle informazioni finora disponibili, l’Istituto di ricerca sottolinea come, in generale, il numero di occupati a Settembre 2010 aumenta dello 0,2% rispetto ad Agosto e diminuisce dello 0,1% rispetto a Settembre 2009. Il tasso di occupazione, pari al 57%, risulta in crescita di 0,1 punti percentuali rispetto ad Agosto e in riduzione di 0,2 punti percentuali rapportato allo stesso periodo dell’anno precedente. Gli inattivi sfiorano in generale il 28%, mentre il numero delle persone in cerca di occupazione risulta in aumento del 2,1% rispetto ad Agosto e dell’1,1% rispetto a Settembre 2009.

Nello specifico l'occupazione maschile resta sempre molto sopra quella femminile, registrando un aumento mensile dello 0,3% (con una diminuzione di pari entità rispetto al corrispondente mese dell'anno precedente). Tra le donne, invece, scende dello 0,1% rispetto ad Agosto, ma cresce dello 0,2% rispetto a Settembre 2009. L'occupazione maschile risulta pari al 67,7%, in aumento dello 0,2% mensile e in diminuzione dello 0,4% su base annua. Il tasso di occupazione femminile a Settembre è pari al 46,3%, dato invariato rispetto ad Agosto, ma scende dello 0,1% rispetto a Settembre 2009.

In generale, stando ai dati Istat, il tasso di disoccupazione sarebbe pari all’8,3% , in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto ad Agosto. In base alle stime contenute nel Bollettino Economico della Banca d'Italia, pubblicato lo scorso 15 Ottobre, invece, il tasso di disoccupazione reale si attesterebbe ben oltre l’11%, con un conseguente continuo ristagno dei consumi delle famiglie italiane. Anche secondo i dati diffusi da Bankitalia, infatti, le prospettive sul mercato del lavoro rimangono incerte e a farne le spese sono soprattutto i giovani. ”Nella media del primo semestre il reddito disponibile reale delle famiglie consumatrici ha subito un calo nell’ordine di un punto percentuale sul periodo corrispondente del 2009″, si legge nel bollettino.

Renato Brunetta, il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’innovazione, ha commentato i dati diffusi dai ricercatori della Banca d’Italia definendoli “stupidaggini”, intervenendo in una trasmissione radiofonica dove ha contestato alla Banca il metodo usato nel calcolare la disoccupazione, in particolare il fatto che nel bollettino sono stati inclusi cassa integrati e scoraggiati, che avrebbero “gonfiato” ingiustamente il numero relativo al totale degli inoccupati.
Un commento privo di ogni logica e responsabilità, perfettamente in linea con l’atteggiamento di un governo molto lontano dall' affrontare e risolvere con serietà i problemi del Paese.

 

La Vera Cronaca, 29 ottobre 2010