C. XXVII O.

Comitato Nazionale XXVII Ottobre

 

 

Comunicato Stampa n. 4/2012

 

Chi l’ha vista ???

 

 

Il 25 gennaio u.s. la XI Commissione Lavoro della Camera dei Deputati aveva approvato, con larghissima maggioranza di voti favorevoli, la proposta di legge C. 4116 – Damiano e abb. – recante: “Disposizioni per il superamento del blocco delle assunzioni nelle pubbliche amministrazioni e per la chiamata dei vincitori e degli idonei nei concorsi”.

Successivamente, il predetto testo, avrebbe proseguito il suo iter parlamentare passando, per i rispettivi pareri, dalle Commissioni Affari Costituzionali, Giustizia, Bilancio, Finanze e Cultura prima di poter approdare in aula.

Nel precedente comunicato ci eravamo impegnati a seguire, di volta in volta, tutto il percorso parlamentare, adoperandoci affinché in tutte le Commissioni competenti si potesse ottenere il medesimo consenso registrato in Commissione Lavoro da parte di tutti i partiti che sostengono l’attuale Governo.

Purtroppo, dopo aver ottenuto i pareri favorevoli delle Commissioni I e II, Affari Costituzionali e Giustizia, abbiamo dovuto registrare una brusca battuta d’arresto nella VI Commissione Finanze dove, su richiesta del Governo, si è deciso di “sospendere momentaneamente” la proposta in questione per permettere all’esecutivo di fare alcune riflessioni (?).

Francamente non riusciamo a capire che tipo di riflessioni possano essere fatte di fronte ad un testo che, se approvato, ristabilirebbe equità e giustizia sociale, e che garantirebbe notevoli risparmi economici che, in un momento di profonda crisi, non è un aspetto di poco conto.

Certo, saremmo estremamente felici se questa temporanea sospensione fosse propedeutica all’inserimento del testo in uno dei tanti decreti legge che il Governo si appresta ad emettere.

Ma visto il nostro spiccato realismo, non vorremmo mai che, invece, tutto ciò sia solamente un pretesto per cercare di affossare una proposta di legge, ampiamente condivisa, che potrebbe creare qualche mal di pancia a tutti coloro che trovano nell’art. 97 della Costituzione un problema anziché una splendida opportunità di crescita.

 

Alessio MERCANTI – Presidente                            Cinzia NANNIPIERI – Vice Presidente